Pittura per pareti ecologica

Come trovare una pittura per pareti priva di sostanze nocive

Dal bianco minimal ai colori più variegati: di pitture per pareti ce n’è davvero per tutti i gusti. Che queste siano tutte innocue, invece, è un altro discorso. Per tutelare la propria salute e l’ambiente si consiglia quindi di optare per colori sostenibili che contengano il minor quantitativo possibile di sostanze nocive. Scoprite qui a cosa è bene prestare attenzione al momento di scegliere la pittura per pareti.

La pittura per pareti convenzionale è tossica?

Le pitture per interni più comuni sono quelle a dispersione. Tuttavia, queste contengono conservanti e solventi, sostanze nocive pericolose non solo per l’ambiente, ma anche per la salute. Si pensa addirittura che alcune componenti delle pitture per pareti a più alto contenuto di sostanze tossiche siano perfino cancerogene. I cosiddetti isotiazolinoni, inoltre, sono sostanze allergeniche. Inalare i vapori rilasciati dalla pittura fresca è tutt’altro che salutare. Ecco perché è di fondamentale importanza arieggiare a sufficienza.

Contenuto

Tipi di pittura per pareti ecologica disponibili sul mercato

A causa delle reazioni allergiche ai conservanti presenti nella pittura per pareti e grazie a una coscienza ambientale in costante crescita, sempre più persone scelgono di utilizzare colori ecologici. Quelli che trovate da Coop Edile+Hobby sono prodotti sostenibili premiati. Grazie a vari processi produttivi alternativi, è possibile elaborare pitture per pareti prive di sostanze nocive. Ecco una panoramica delle pitture alternative più conosciute:

Pittura a dispersione senza conservanti

Sempre più produttori di pitture a dispersione convenzionali si stanno impegnando a offrire varianti ecologiche, prive di conservanti e solventi e prodotte a impatto zero sul clima. Sul mercato si trovano perfino pitture per pareti ecologiche a base di resine naturali a discapito di quelle artificiali.

Pittura alla calce

Le pitture ecologiche prive di sostanze nocive provengono prevalentemente da materie prime naturali, come la calce. La gamma di tonalità di colore di pittura alla calce disponibili è davvero vasta. Questa tipologia di pittura ha l’enorme vantaggio di essere piuttosto durevole pur non contenendo conservanti. Si tratta inoltre di un prodotto particolarmente traspirante, regolatore dell’umidità e antimuffa. Per questo motivo è perfetto per ambienti come la cucina o il bagno.

Pittura ai silicati

La pittura ai silicati proviene dal silicato di potassio, una sostanza legante minerale naturale ricavata da sabbia quarzosa e bicarbonato. Senza bisogno di ricorrere a solventi o conservanti, questa sostanza in polvere si scioglie semplicemente in acqua bollente. Soprattutto se stesa su supporti a base minerale, la pittura ai silicati risulta davvero durevole nel tempo. Si tratta, inoltre, di un prodotto traspirante, resistente e antimuffa.

Pittura all’argilla

Questa tipologia di colore si presenta, inizialmente, in una forma piuttosto inusuale, ovvero in polvere. È composta principalmente da argille in polvere, gesso, cellulosa naturale, amido o proteine vegetali. Per utilizzarla è necessario mescolarla con acqua e pigmenti. Trattandosi di un prodotto privo di conservanti, la pittura già preparata va utilizzata subito. La pittura all’argilla è estremamente traspirante e neutralizza i cattivi odori. L’unica pecca è che pulendo a umido, è possibile che si stacchino pezzetti di colore dal muro.

Pittura alla caseina

Questa tipologia di colore è a base di acido lattico, sostanza che funge da legante. Si tratta anche in questo caso di un prodotto in polvere che va mescolato con l’acqua. A differenza della pittura all’argilla, questo tipo di pittura è lavabile e resistente all’usura. È, inoltre, una pittura traspirante, ecologica e durevole. Per ottenere un effetto batteriostatico naturale è possibile mescolare pittura alla caseina e pittura alla calce. Unico punto negativo: se da una parte si tratta di una pittura per pareti priva di sostanze nocive, è anche vero che è un prodotto di origine animale.

Quali sono le pitture più adatte per tinteggiare la cameretta dei bimbi?

Neonati e bambini sono più sensibili alle sostanze nocive rispetto agli adulti. Per questo motivo è particolarmente consigliabile optare per una pittura ecologica per la cameretta dei bimbi. Per evitare pericoli di abrasione, tuttavia, è sconsigliabile utilizzare la pittura all’argilla. Seppur in minor percentuale, anche alcune pitture a dispersione possono rilasciare sostanze dannose. Quindi, oltre a essere prive di conservanti e solventi, è importante scegliere pitture traspiranti e che permettano la fuoriuscita di umidità dai muri. L’ideale sarebbe scegliere pitture «strapazzabili» a prova di bambino. Le pitture ai silicati e alla calce sono, per esempio, piuttosto resistenti.

Nonostante le sostanze dannose delle pitture convenzionali siano tollerabili per adulti che non presentano allergie, potete star certi che optare per una pittura per pareti ecologica ne vale veramente la pena. In questo modo non solo potrete tutelare la vostra salute, bensì anche l’ambiente. In ogni caso: attenzione a smaltire correttamente i resti di pittura. Una volta aperte, le pitture prive di conservanti andrebbero utilizzate rapidamente, altrimenti il rischio è che vadano a male e inizino a emanare uno sgradevole odore di marcio. E per non farsi mancare nulla: è possibile acquistare materiali e occorrente per pittura ecologici. Optate, per esempio, per pennelli di legno o rulli per pittura ricavati da materiale riciclato.

Altri consigli sull’argomento

Disdetta avvenuta.