Riordinare la cantina

Ecco come riordinare la cantina

Molte cantine non sono altro che ripostigli caotici pieni di oggetti utilizzati poco o addirittura mai usati, il classico «occhio non vede, cuore non duole». Volete fare ordine una volta per tutte? Scoprite qui tanti consigli utili su come riordinare al meglio la vostra cantina. Non occorre che sistemiate tutto in una volta. Con calma, passo dopo passo, sarà più semplice anche per i disordinati seriali.

Contenuto

Sgombrare la cantina

Per prima cosa, è importante farsi un'idea della quantità e del tipo di oggetti stipati in cantina. Avvistate oggetti che non usate da anni o che sono rotti e abbandonati da tempo in un angolino? Bene, è ora di disfarvene: eliminate tutto ciò che non vi serve più o che è addirittura inutilizzabile. Vi renderete conto di quante cose inutili e ingombranti avete accumulato negli anni e ne rimarrete stupiti.

Durante lo sgombero della cantina dividete ciò che non serve più in due pile: rifiuti e riciclaggio. Gli oggetti in buono stato possono essere rivenduti online o al mercato delle pulci. Come? Basta pubblicare un annuncio o iscriversi al prossimo mercatino dell'usato. Regola d'oro per il futuro: riordinare la cantina regolarmente per evitare lavori di sgombero immensi. Così eviterete, in primis, che la cantina sia in disordine.

Riordinare la cantina: quali sono le possibilità

Accatastare pile su pile di scatoloni è una soluzione piuttosto ingombrante che impedisce di sfruttare al massimo e in modo efficiente la superficie disponibile. L'ideale è conservare tutto su scaffali o dentro degli armadi. Evitate assolutamente di lasciare gli scatoloni a diretto contatto con il pavimento: questo, infatti, impedisce alla parte inferiore dello scatolone di arieggiarsi a sufficienza e, di conseguenza, c'è il rischio che al suo interno si creino condensa e umidità. Queste, a loro volta, possono portare alla formazione di muffa e dell'odore fastidioso tipico delle cantine.

Scaffali e armadi salvaspazio sono l'ideale, soprattutto per sfruttare al massimo spazi non particolarmente grandi. Gli oggetti meno delicati potrete conservarli direttamente così come sono. Le cose invece più delicate, come i vestiti, andranno invece impacchettati per bene in scatole o sacchetti impermeabili. Questi sono l'ideale per riporre oggetti che restano in cantina per lunghi periodi, come decorazioni natalizie o utensili da lavoro. Per conservare oggetti particolarmente piccoli come viti, chiodi e altri oggetti da ferramenta di piccole dimensioni, potete procurarvi dei portaminuteria o delle mini-cassettiere. In questo modo eviterete che questi vadano persi o si sparpaglino per tutta la cantina.

Mai più perdite di tempo: etichettare gli scatoloni

Quando riordinate la cantina, provvedete a etichettare gli scatoloni una volta chiusi. All'inizio ricorderete certamente cosa contengono, ma con il tempo ve ne scorderete e trovare rapidamente quel che cercate in assenza di etichette o scritte diventerà complicato. Meglio, quindi, scrivere sullo scatolone o sull'etichetta una parola chiave per velocizzare le ricerche. Se non avete voglia di scrivere a mano, potete servirvi di una etichettatrice.

L'illuminazione ideale per la cantina

Per riordinare la cantina è innanzitutto necessario disporre della luce adeguata. Negli angolini bui, infatti, si accumula rapidamente molto «ciarpame» e, senza luce, è facile non rendersi conto del disordine. Nella peggiore delle ipotesi, prima o poi, potreste rischiare di inciampare in tutte queste cianfrusaglie. Ecco perché è importante che anche la cantina sia ben illuminata. In questo modo, trovare ciò che state cercando sarà ancora più facile. Per questioni di sicurezza vi consigliamo, inoltre, di installare in cantina anche dei rilevatori di fumo.

Deumidificare la cantina

Se la vostra cantina è sempre umida e odora di muffa, oltre a fare ordine è bene che provvediate anche a deumidificarla. Cercate quindi, di arieggiare abbondantemente e con una certa regolarità. In estate, quando fa molto caldo, è preferibile arieggiare brevemente e durante la notte. L'aria calda estiva potrebbe, infatti, sortire l'effetto contrario, addirittura aumentando l'umidità della cantina. Se la vostra cantina non ha finestre, potete servirvi di un impianto di aerazione elettrico. Per evitare la formazione di muffa, cercate tenere scaffali e altri mobili a qualche centimetro di distanza dalla parete. Se il tasso di umidità della vostra cantina è particolarmente alto, vi consigliamo di procurarvi un deumidificatore.

Mantenere l'ordine in cantina: come fare

Una cantina ordinata è sicuramente piacevole alla vista. Ma come si fa a mantenerla in ordine evitando che ritorni il caos? Una volta che avrete riordinato per bene, in teoria avrete riposto tutto con una certa logica e avrete adibito un posto specifico a ciascun oggetto o scatolone. E così deve rimanere! Se vi serve qualcosa, riponetelo esattamente nel posto dove lo avete trovato. Inoltre è importante stabilire delle abitudini. Scegliete un giorno della settimana o del mese da dedicare al riordino della cantina. Così facendo, più sarete diligenti e più mantenere la cantina sempre ordinata sarà un processo semplice e veloce!

Disdetta avvenuta.