Elicriso italiano

Tutto il sapore del curry
in una pianta

L'elicriso italiano è una delle erbe mediterranee meno classiche, ma molto apprezzate perché offrono sapori speciali. Non c'è da stupirsi, infatti nessun'altra pianta offre questo gusto particolare.

Che cosa rende speciale l'elicriso italiano? Le foglie hanno il sapore caratteristico della miscela di spezie, ma non colorano di giallo. Particolarmente pratico per chi apprezza il sapore ma non desidera il colore giallo.

Contenuto

Elicriso italiano in giardino

A differenza dei suoi amici mediterranei, l'elicriso italiano non ama l'inverno. Pertanto, ha senso coltivare la pianta solo se in vaso. In tal modo, la protezione invernale diventa particolarmente semplice. Ma questa spezia mediterranea desidera anche in vaso una posizione soleggiata e calda. Il substrato nel vaso deve essere morbido, ben drenato e calcareo. Uno strato di drenaggio nel recipiente evita la formazione di ristagni. Alla pianta mediterranea non piacciono affatto. È quindi meglio mettere a dimora le piante individualmente.

Foglie aromatiche tutto l'anno

L'elicriso italiano deve ricevere le migliori cure affinché le foglie aromatiche possano essere raccolte dalla pianta erbacea per tutto l'anno. Fortunatamente, questo non è così difficile perché la pianta non è particolarmente esigente. Ha solo bisogno di una piccola quantità di nutrienti e se riceve un fertilizzante a base di erbe ogni quattro settimane, la pianta si sviluppa in modo ottimale fornendo deliziose foglie dal sapore di curry. Il condimento non è mai stato così semplice!

L'elicriso italiano ha bisogno di piedi caldi

Le foglie della pianta erbacea possono essere raccolte tutto l'anno. In inverno, l'elicriso italiano deve essere portato in casa in modo da evitargli «i piedi freddi». Questa erba mediterranea non è sufficientemente resistente per superare l'inverno. A seconda del tempo atmosferico, le piante possono anche svernare protette con vello o tessuto, accanto a un muro della casa. Se i ramoscelli gelano, possono semplicemente essere tagliati in primavera. Ciò non influisce sul resto della pianta.

Disdetta avvenuta.