vai a coop.ch

Ritiro gratuito

Consegna a domicilio

Diritto di restituzione di 2 settimane

Minimo 2 anni di garanzia

Il grill giusto

Qual è il grill giusto?

Grill a gas, elettrico e a carbonella a confronto.

La differenza specifica tra: grill a gas, elettrico e a carbonella

Chi vuole acquistare un nuovo grill ha solo l’imbarazzo della scelta. L’offerta di modelli è enorme, ma qual è il grill giusto? Abbiamo riassunto per voi i principali vantaggi e svantaggi dei vari tipi di grill e vi spieghiamo su quali criteri basare la vostra scelta.

Contenuto

Qual è il grill giusto?

Non esiste un’unica risposta alla domanda: qual è il grill giusto o il migliore in assoluto? Nemmeno spendere una cifra astronomica per un modello lussuoso e all’avanguardia può garantirvi automaticamente di aver scelto il grill adatto a voi. Molto più decisive sono le risposte alle seguenti domande:

  • Per quante persone deve cucinare il grill? È sufficiente un grill piccolo per 2 persone oppure a tavola siederanno altri membri della famiglia e talvolta anche amici e parenti?
  • Dove verrà utilizzato il grill? Avrà una posizione fissa in giardino, starà sul balcone o potrebbe essere usato anche fuori casa?
  • Quali alimenti preferite grigliare? I cibi con tempi di cottura più lunghi andrebbero grigliati per via indiretta, il che richiede l’uso di un coperchio.
  • Quanto tempo e impegno desiderate dedicare alle vostre grigliate? Siete stakanovisti della griglia o quel che conta per voi è mangiare bene senza troppa fatica?
  • Vi serve un grill per principianti o per esperti?
  • Quale budget avete a disposizione?

In fin dei conti, la scelta tra i tre principali tipi di grill – a carbonella, a gas o elettrico – dipende dal vostro modo di grigliare. Per aiutarvi, riassumiamo qui di seguito i principali vantaggi e svantaggi dei vari tipi di grill.

Grill a carbonella: la scelta classica

La vera grigliata è quella con la carbonella, sostengono all’unanimità molti appassionati. A loro avviso, solo la brace ardente riesce a conferire alla carne o alle verdure un inconfondibile aroma grigliato. Inoltre, distribuendo le braci è possibile creare delle zone di temperatura differenziate, per cuocere diversi tipi di carne contemporaneamente.

D’altro canto, però, un grill a carbonella richiede molta pazienza: esso infatti impiega almeno mezz’ora ad accendersi e deve essere portato alla giusta temperatura. Tra gli effetti indesiderati cui si deve far fronte vi sono poi la possibile formazione di fumo, la diffusione di cenere e, conseguentemente, anche di un odore più intenso. La formazione di fumo è problematica non solo perché può infastidire i vicini (per esempio se si griglia sul balcone), ma anche perché, in alte concentrazioni, il fumo di carbonella può risultare dannoso per la salute. Inoltre, gocciolando sulla brace, il grasso rilascia sostanze cancerogene, dunque per grigliare nel rispetto della salute è consigliabile utilizzare delle leccarde in alluminio per grill. Un grill a carbonella si addice innanzitutto ai cuochi più intraprendenti, che sanno come muoversi, ma anche a chi, pur mettendosi alla griglia occasionalmente, è disposto a dedicarvi tutto il tempo necessario. Esistono poi differenze notevoli anche tra le singole varianti di questa particolare tipologia di grill:

  • Il piccolo grill rotondo: compatto e rapido da montare, è ideale per l'uso occasionale e fuori casa, per esempio al parco.
  • Lo stabile e ampio grill in acciaio inox si addice ai cuochi più intraprendenti e dotati di giardino.
  • Il grill con sistema di tiraggio gode di ventilazione costante ed è dunque indicato per chi vuole grigliare con la carbonella portando il grill a temperature elevate senza ricorrere ad altri ausili.
  • Il grill a sfera con coperchio è tra i modelli più amati, poiché consente la cottura indiretta. A coperchio chiuso i grandi tagli di carne, i polli o i pesci interi cuociono in modo uniforme e si mantengono succosi.
  • Grill a movimento pendolare per le grigliate abbondanti: la griglia, appesa con delle catene a una struttura a tre gambe o a un supporto, può raggiungere un metro di diametro e dunque offre lo spazio necessario a grigliare pesce e salsicce per tutta la famiglia.
  • Caminetto fisso: un caminetto all’aperto consente di coniugare, nel giardino di casa propria, i piaceri della griglia all’atmosfera accogliente di un focolare.
  • Il tipico smoker americano è indicato per coloro che desiderano cuocere le pietanze con il metodo dell’affumicatura.

Un grill a carbonella è adatto anche a tutti quegli esperti della griglia che non vogliono rinunciare all’aroma fumé «autentico» e che dispongono di un giardino in cui celebrare il rito della grigliata, ma è anche una scelta valida per l'uso fuori casa, p. es. al parco. È invece sconsigliato per il balcone, con l’unica eccezione del grill Lotus, che se usato correttamente previene la formazione di fumo.

Grill a gas: l’alternativa rapida e poco invasiva

Per tutti coloro che si preoccupano delle possibili ripercussioni sulla salute derivanti dall’uso di carbonella, un grill a gas rappresenta un’ottima alternativa. Con questo modello, infatti, il grasso e i succhi della carne non gocciolano sulle fiamme, evitando così il rilascio di sostanze nocive. Anche la formazione di fumo e cenere è quasi inesistente. In più il grill a gas è subito pronto all’uso: basta premere un interruttore, accendere la fiamma e iniziare a grigliare! Questo tipo di apparecchio è ideale anche per i novellini della griglia, visto che l’alimentazione a gas consente di regolare facilmente la temperatura fino a raggiungere quella desiderata. Un grill a gas comporta un investimento più cospicuo in fase di acquisto, ma nel lungo termine i costi finiscono per equipararsi, poiché il gas è più a buon mercato della carbonella.

In virtù delle sue caratteristiche, questo tipo di grill dovrebbe adattarsi perfettamente al balcone, a patto che quest’ultimo sia grande abbastanza. Uno degli svantaggi dei modelli a gas, infatti, è proprio l'ingombro in termini di spazio, oltre al fatto che la loro struttura è piuttosto pesante e difficile da trasportare. Un altro svantaggio è costituito dalla regolare e obbligatoria manutenzione dell’apparecchio, per garantire l’osservanza dei necessari criteri di sicurezza. Bisogna poi prestare attenzione anche quando si accende la fiamma. Dal punto di vista del sapore, gli amanti del classico odorino fumé resteranno delusi, perché il profumo di cibo grigliato tipico della carbonella, che si sprigiona quando il grasso cola sulla brace, non si ottiene nemmeno quando il grill sfrigola a tutta forza.

Un grill a gas è dunque indicato per persone pratiche con tanto spazio a disposizione, che vogliono grigliare in modo comodo e poco invasivo, pur esigendo dal proprio apparecchio una prestazione d’alto livello. Il grill a gas tradizionale non è l’ideale da utilizzare fuori casa, ad esempio per improvvisare una grigliata nel parco. Per simili occasioni esistono tuttavia anche dei piccoli grill a gas portatili, come Outdoorchef Minichef.

Grill elettrico: l'alternativa pratica ed economica

Se per voi grigliare è soltanto un mezzo per raggiungere uno scopo e dunque desiderate limitare al massimo gli sforzi, nel grill elettrico troverete senza dubbio la soluzione ideale. Si tratta infatti di un apparecchio di dimensioni ridotte che non produce né fumo né cenere. Prendersene cura è facile, e necessita di manutenzione solo di tanto in tanto. Con questo tipo di grill sul balcone i vicini non avranno motivo di lamentarsi. Come se non bastasse, è molto maneggevole, subito pronto all’uso e relativamente economico. Quando il tempo non si presta a una grigliata sul balcone, un grill elettrico può essere utilizzato senza alcun problema anche in casa, come grill da tavolo.

La dipendenza da una fonte di corrente costituisce però anche uno svantaggio del grill elettrico, che dunque non è adatto a una grigliata nel parco o al lago. A volte nemmeno sul balcone si ha una presa elettrica a portata di mano, in tal caso ricordate che l’uso di una prolunga aumenta il rischio di inciampo. In termini di raggiungimento del giusto grado di calore, la performance di un grill elettrico di media qualità spesso non regge il confronto con quella di un apparecchio a gas, motivo per cui i grossi tagli di carne impiegano più tempo a cuocere. Esistono però dei modelli d’alta gamma la cui resa è del tutto comparabile a quella dei grill a gas, sebbene in questi casi la qualità si rifletta anche nel prezzo. Infine con il grill elettrico dovrete rinunciare sia all’inconfondibile aroma sia alla classica atmosfera romantica di una grigliata.

Un grill elettrico è dunque indicato per gli amanti della carne grigliata dotati di balcone, che in nome della praticità e della rapidità sono disposti a rinunciare all’autenticità dell’esperienza.