vai a coop.ch

Ritiro gratuito

Consegna a domicilio

Diritto di restituzione di 2 settimane

Minimo 2 anni di garanzia

Quali erbe aromatiche piantare?

Quali erbe si incastrano?

Scoprite come abbinare le diverse varietà.

Erbe aromatiche sul balcone: quali possono essere coltivate insieme?

Le erbe aromatiche abbelliscono il balcone, aggiungono sapore ai piatti e consentono di preparare infusi benefici. Ma ogni varietà ha esigenze diverse in termini di sole, acqua e sostanze nutrienti. Quali sono le più indicate per i balconi soleggiati e quali si adattano meglio all’ombra? Quali convivono felicemente con le altre? Scoprite quali erbe aromatiche possono essere coltivate insieme.

Contenuto

Piantare le erbe aromatiche: regole di buon vicinato sul balcone

La maggior parte delle erbe si presta a essere coltivata in un orto aromatico sul balcone, a patto che abbia sufficiente spazio e riceva abbastanza sole. Le erbe a radice lunga come l’aneto e il levistico andrebbero piantate separatamente e in vasi profondi. Un orto aromatico sul balcone composto da tanti singoli contenitori è molto bello a vedersi. Se però volete sistemare più erbe nella stessa fioriera, tenete presenti le regole di buon vicinato, abbinando piante che abbiano esigenze simili.

Erbe aromatiche da balcone: al sole o all’ombra?

Quali erbe aromatiche siano più consone al vostro balcone dipende dall’irraggiamento solare. Non tutte le erbe amano i balconi soleggiati esposti a sud. Per esempio il levistico non gradisce la luce diretta del sole, preferendo una collocazione in penombra. Non è il caso di fissare un vaso per piante contenente del levistico direttamente alla balaustra: meglio posizionarlo a terra, dove riceverà ombra dalla stessa balaustra e da un fendivista. Un balcone rivolto a sud o a ovest si addice invece a erbe quali timo, rosmarino e origano. L’irraggiamento solare intenso consente alle piante originarie del mediterraneo di svilupparsi appieno.

Prezzemolo, basilico ed erba cipollina sono una combinazione vincente per balconi ombreggiati esposti a est o a nord, poiché non amano stare in pieno sole e sopportano bene la scarsità di luce.

Erbe con diversi fabbisogni di sostanze nutritive

Le erbe aromatiche appartengono alla categoria delle «deboli consumatrici», tuttavia esistono delle differenze quanto al fabbisogno di sostanze nutritive. Per esempio, l'erba cipollina, l’aneto, il prezzemolo e il cerfoglio richiedono un terriccio ricco di sostante nutrienti. Piantate queste erbe insieme, in una fioriera con del substrato ricco di humus e concimatele regolarmente.

Una sovrabbondanza di minerali non giova alle piante mediterranee, che preferiscono i terreni aridi e sono sensibili all’eccessiva concimazione. Anche borragine, santoreggia e maggiorana prediligono un terriccio povero di sostanze nutritive, anche se non magro come quello delle piante mediterranee.

Attenzione al fabbisogno idrico

Se volete combinare diverse varietà nella stessa fioriera, tenente conto anche del loro fabbisogno d’acqua. Nel vostro orto aromatico da balcone non affiancate piante che tendono a «bere» poco a quelle che non tollerano i ristagni; il fabbisogno idrico è riportato sull'etichetta. Anche l’aspetto conta: le erbe che necessitano di molta acqua, come melissa e cerfoglio, hanno spesso foglie ampie, morbide e sottili. Le specie meno assetate si distinguono per le foglie piccole e spesse che reagiscono meglio all’evaporazione.

Occhio alle dimensioni!

Meno spazio occupano le piante, più saranno a proprio agio in un’aiuola di erbe aromatiche. Se desiderate affiancare piantine piccole a erbe mediterranee lussureggianti come rosmarino, dragoncello o menta, non mettetele a distanza troppo ravvicinata: interrate gli esemplari più grandi ai bordi oppure spargetene i semi in quest’area periferica. Altrimenti il loro fogliame finirà per privare le altre piante del sole.

Combinare erbe diverse: un’arma contro i parassiti

Le erbe aromatiche non sono al sicuro dai parassiti nemmeno sul balcone. La coltivazione mista aiuta a proteggere da acari, pidocchi, larve e lumache.

Alcune piantine d’erbe secernono degli odori o, attraverso le radici, emettono delle sostanze che tengono lontano i parassiti. Di questa azione protettiva beneficeranno tutte le piante vicine. Una naturale protezione contro gli insetti è offerta dalle erbe profumate come origano, salva e timo, che mettono in fuga pidocchi, lumache e le larve della cavolaia. Aggiungendo al vostro orto aromatico sul balcone il cerfoglio o l’erba cipollina lo proteggerete anche dall’oidio, mentre la santoreggia è efficace contro i pidocchi e l’artemisia dispone di un meccanismo di difesa dai coleotteri.

Quali erbe aromatiche possono convivere in una fioriera?

La scelta di piantine è ampia, dunque le possibili combinazioni sono molte. Per avere sempre a portata di mano l’ingrediente giusto per aromatizzare un piatto o preparare una tisana, scegliete erbe che si differenzino per intensità di sapore. A seconda della ricetta, avrete bisogno di un gusto deciso come quello del timo, o di un sapore discreto come quello del cerfoglio, il quale, al pari del prezzemolo, ama la penombra e parecchia umidità: piantandoli nello stesso contenitore avrete a disposizione due aromi davvero indispensabili in cucina. Per le vostre insalate potete coltivare sul balcone un’aiuola con aneto ed erba cipollina.

Chi apprezza i sapori mediterranei e in particolare quelli francesi, potrà coltivare sul balcone le erbe necessarie a creare delle miscele di spezie. Per un mix in stile Erbe di Provenza dovete piantare perlomeno timo, rosmarino e santoreggia, e preferibilmente anche maggiorana, origano e dragoncello. Questi aromi si sposano a meraviglia non soltanto in pentola, ma anche nella fioriera. Tenete solo presente che il rosmarino può formare un cespuglio molto rigoglioso. Per il mix Fines Herbesabbinate cerfoglio, erba cipollina e prezzemolo. Per portare l’oriente sul vostro balcone, l’accostamento giusto è costituito da coriandolo, menta marocchina, cumino nero e maggiorana araba.

Infine, sul balcone si possono coltivare anche le erbe curative. Per esempio, la camomilla ha un effetto antinfiammatorio, il rosmarino stimola la circolazione e la salvia allevia la tosse. Tutte queste piante gradiscono una posizione soleggiata e un substrato povero di sostanze nutritive.

Altri consigli sull’argomento