Pulizia e cura della bici

Manutenzione appropriata

La cura e la pulizia sono importanti per conservare a lungo la vostra bici e per garantire massima sicurezza.

Pulizia e cura della bici

La pulizia fa risplendere la vostra bicicletta. Una cura regolare non è soltanto una questione di aspetto ma anche di sicurezza. All’inizio della stagione non basta mettersi semplicemente in sella. Occorre prima controllare i dispositivi importanti come freni e manubrio. La pulizia e l’oliatura sono fondamentali per la cura della bici. Scoprite di più su una pulizia adeguata della vostra bici.

Contenuto

Pulire correttamente la bici

Cura a lungo termine

Fate risplendere la vostra bici. Spesso basta già pulire leggermente manubrio, telaio, parafanghi e portapacchi per ridonarle il suo splendore. Talvolta si sono formate anche incrostazioni ostinate. Al momento della pulizia non dimenticare i dispositivi di precisione come freni o catena. Anche se sono difficilmente raggiungibili a causa delle caratteristiche sottili, la loro pulizia è altrettanto importante per una guida sicura. Incrostazioni ostinate attaccano spesso il meccanismo delicato. Dato che i depositi sono formati da polveri fini, sporco contenente sale e catrame, possono danneggiare gli strati di vernice e gli ingranaggi in metallo aumentando il rischio di danni corrosivi irrimediabili. Per questo, la cura della bicicletta deve comprendere oltre alla rimozione dello sporco anche l'applicazione di uno strato protettivo. I dispositivi di precisione vengono unti con olio e le superfici rivestite con uno strato di cera.

Ecco come rimuovere le sporco grossolano: sciacquare la bici con un tubo per l'acqua. Questo metodo è particolarmente indicato per biciclette resistenti come mountain bike con le apposite guarnizioni. Un getto d’acqua potente riesce a rimuovere su questo tipo di bicicletta grumi di sporco e sporco secco.

Non utilizzare mai un’idropulitrice. L’effetto sgrassante sulla catena è troppo potente e può rovinare raggi e mozzi. Per i modelli meno resistenti è consigliata una pulizia con un panno multiuso bagnato. Per lo sporco grossolano è adatta anche una spazzola: sono particolarmente indicate le spazzole dotate di morbide setole lunghe.

Una pulizia di base comprende gli interstizi difficilmente raggiungibili e gli angoli dei mozzi, i raggi, la pedaliera, i giunti della catena, i freni e le guaine del tipo Bowden. Spesso la pulizia della bici risulta antipatica proprio a causa di questi elementi.

Esistono però mezzi ausiliari che facilitano notevolmente la pulizia di detti dispositivi delicati. Le gocce di uno spray detergente per bici penetrano in qualsiasi fessura. Lo sporco si scoglie dopo un’azione di circa mezz’ora e può semplicemente essere rimosso con acqua. Spesso, l’olio della bici e lo sporco della strada hanno formato una pellicola oleosa che può essere rimossa soltanto con uno spray sgrassante. Utilizzare esclusivamente prodotti appositamente concepiti per le bici, perché gli ingredienti di altri prodotti possono rovinare la vernice, gli elementi in carbonio e le guarnizioni dei freni. Gli spazi più stretti attorno ai freni, alla pedaliera nonché gli interni dei parafanghi vanno puliti con un panno. Basta immergerlo in acqua tiepida arricchita con detersivo. Passare il panno attraverso le fughe e tirarlo sulle due estremità in avanti e indietro. Ancora più semplice e la migliore soluzione per incrostazioni ostinate l’utilizzo di speciali guanti da lavoro con struttura a nodi in microfibra. Questi consentono un’elevata sensibilità tattile e la struttura a nodi rimuove lo sporco in modo accurato.

Fanno parte dell’equipaggiamento di base per la cura della bici i seguenti utensili:

  • spazzola con morbide setole lunghe
  • panno o guanto con struttura a nodi
  • spray detergente e sgrassante
  • olio per bici e cera dura

Consigli per la pulizia della bici

Per la comoda e accurata pulizia della catena e di altri elementi vi consigliamo di rimuovere prima le ruote o di riporre la bici su un cavalletto da officina. In questo modo si raggiunge una posizione di lavoro più comoda e distesa.

La cura si riduce con l’osservazione di alcune misure preventive. Lo sporco può essere allontanato con la scelta del posto di parcheggio giusto. Ad esempio corridoi, cantina, garage o casetta da giardino: l’importante è proteggere la bici dalla pioggia, dai raggi solari intensi, dal gelo e dallo sporco. Il posto di parcheggio deve avere almeno una tettoia.

La cera dura ricopre la bici con un rivestimento protettivo a lunga durata. Questo la protegge sia dallo sporco che dalla corrosione. Applicare un po’ di cera su un panno e lucidarvi il telaio, il manubrio, i pedali e il portapacchi. Gli elementi in materiale sintetico e gomma vanno protetti con uno spray a base di silicone.

Cura della catena della bicicletta

La pulizia della catena va eseguita con grande attenzione. La catena è essenziale per il buon funzionamento di una bicicletta. Soltanto una cura regolare può conservare il suo meccanismo delicato. Una volta formata la ruggine, è già troppo tardi. Il danno dovuto alla ruggine può essere riparato soltanto con la sostituzione della catena. Una catena che causa rumori di scatto o di ticchettio, che non presenta più uno strato di grasso lucido, rende l’oliatura inutile. Altrimenti c’è il rischio che la catena fuoriesca mentre si percorrono strade irregolari o si cambia la marcia.

Occorre occuparsi anche della manutenzione del deragliatore. Per un cambio nel mozzo fluido, basta regolare la vite per risolvere problemi di scorrevolezza. In presenza di danni maggiori e cambi a catena complicati è preferibile rivolgersi a un esperto.

Dopo la pulizia occorre oliare la catena. È molto diffuso l’olio per macchine da cucire, anche se il suo effetto è limitato nel tempo. L’olio per macchine denso è più resistente anche se sporca maggiormente la catena. Per questo è consigliato l’impiego di un olio per bici speciale.

Per la cura della bici occorre procedere in questo modo:

  1. Rimuovere lo sporco dalla catena facendola passare pedalando all’indietro attraverso un panno.
  2. Pulire la cinghia dentata e gli ingranaggi con un panno umido e spruzzarli con uno spray a base di silicone.
  3. Oliare in piccole dosi. Una quantità eccessiva di grasso attira lo sporco e danneggia il metallo. Non applicare l’olio lateralmente, ma sulla parte superiore della catena. Eliminare l’olio in eccesso.

Manutenzione della bici

Una manutenzione regolare assicura protezione durante la guida. È inevitabile soprattutto prima e dopo lunghe gite in bici nonché dopo l’inverno. Perché le gelide temperature invernali danneggiano le parti meccaniche. Dato che ogni modello è diverso, anche in questo caso occorre avere un po’ di conoscenze in materia. In caso di dubbi riguardanti freni, manubrio e cambio è preferibile affidare il controllo generale a un esperto. Quasi tutte le officine e i club per bici offrono detto servizio.

Vanno controllati e riparati soprattutto i seguenti elementi:

  • pulizia della catena e manutenzione: oliare la catena ed escludere il rischio che una sovratensione possa impedire un incastro corretto
  • controllare le viti e se necessario stringerle
  • controllare le superfici di telaio, forcella e manubrio per escludere la presenza di graffi, strappi e ruggine. La ruggine aumenta il rischio di rottura e richiede una riparazione specializzata.
  • Controllare l’allineamento del manubrio e che il tubo manubrio sia ben fisso
  • Pneumatici: una pressione d’aria ridotta oltre a ostacolare la guida può comportare addirittura danni irreparabili. Una pompa con manometro o aria compressa della stazione di rifornimento sono ideali per gonfiare i pneumatici. Anche i profili dei pneumatici consumati aumentano il rischio di guasti e per questo vanno sostituiti.
  • Raggi: la tensione deve essere buona. Sostituire i raggi allentati e rotti.
  • Freni: controllare la forza dei freni e il funzionamento della leva. In tal caso occorre sostituire i blocchetti dei freni e provvedere al serraggio del cavo freni. Oppure controllare che non ci siano danni alla guaina del tipo Bowden. In questo caso è consigliato rivolgersi a un esperto.
  • Fanali: anche la lampada deve funzionare senza problemi. Altrimenti occorre sostituire la lampadina e/o le batterie. Se non arriva la corrente, controllare l’attacco della lampada e del dinamo.
  • Pedali: i pedali devono girare senza sforzo e senza vibrare. Rumori e assi instabili indicano guasti più importanti e occorre provvedere alla riparazione dei pedali.

Vedi alle altre guide sulle bici

Disdetta avvenuta.